lunedì 23 giugno 2008

Amore mio














“AMORE MIO”

Camminavo nell’oscurità
scambiandola per vivida luce,
annaspavo in fangose paludi
confondendole per netti lidi.

Ora innanzi a questa corvina chioma
l’oscurità mi appare tenebra,
il puzzo di quelle fangose paludi
mi offende le nari.

Ora innanzi a questi grandi occhi
cessa la mia cecità,
vedo il livore della mia passata,
vuota e inutile vita.

Ora innanzi a te amore mio
risorgo alla vera vita,
non più una solitaria e vuota esistenza
ma una vita piena di noi.

(A mia moglie Annabella)


Gaetano GULISANO

5 commenti:

Anonimo ha detto...

ma che poeta!!!! quasi quasi se divorzi....ti sposo io!!!!indovina chi sono?...(saluti al Generale e sempre comandi)

gaetano ha detto...

Ciao caro fratellone, spero che questa eventualità non si presenti mai. Comunque ti terrò in considerazione, ma dovremo andare in Spagna. Un caro saluto a te e al tuo dolore. ciao Gaetano.

Eleonora Ruffo Giordani ha detto...

quando leggo versi dedicati alla moglie, la mia stima per il poeta aumenta. Poesia ricca di sentimento e di tenerezza.
Un saluto caro e affettuoso
eleonora

gaetano ha detto...

Ciao cara Eleonora, ti ringrazio per il tuo commento, ma è quello che mia moglie mi suscita ed è ciò che ero prima.
Un caro saluto Gaetano.

Anonimo ha detto...

VOLEVO SOLO DIRE CHE DIETRO UN GRANDE UOMO C'E' SEMPRE UNA GRANDE DONNA....E UN GRANDISSIMO AMICO(CHE SAREI IO!!!HI HI HI). PURE IO PURE IO VOLGIO A POESI' GAETANUCCIO MIO!!!