mercoledì 11 giugno 2008

Gelsi Bianchi




“Gelsi Bianchi”

Gelsi bianchi giacciono
sparsi su un letto di foglie,
calpestati dal tempo,
ripudiati dal proprio albero,
punti da uccelli,
che non osano più volare.

Guardo inerte quell’albero
e triste osservo quei
frutti inariditi,
spogliati del loro succoso nettare,
macchiati nel loro candido manto,
offesi da chi,
non ha saputo cogliere
la loro invitante fragranza.

Quell’albero che era mio,
quell’albero ormai spoglio
dei suoi succosi frutti,
ma sempre verde dei
miei gai ricordi.

Quell’albero che nessuna
ascia potrà mai abbattere,
che nessuna sega potrai mai tagliare,
che nessun uragano potrà mai sradicare.

Quell’albero che rigoglioso
dentro la mia anima,
continuerà a fiorire
dolci e succosi gelsi bianchi.


Gaetano GULISANO

3 commenti:

Eleonora Ruffo Giordani ha detto...

Caro Gaetano, stamattina ho letto alcune tue poesie con calma, le ho trovate bellissime. Complimenti! Hai un animo sensibile e attento al respiro del vento, e alle voci della natura. Mi accorgo come i poeti sono molto simili tra loro, colgono quasi sempre le stesse sfumature dalle cose che osservano e vivono.Fino a trovarsi a dipingere lo stesso oggetto quasi con le stesse tonalità, anche se con tecniche diverse. Che bello! Questo avvalora la Musa. Infatti regalano emozioni vere, quando la poesia non è costruita, ma scaturisce dal profondo dall'anima, ed è frutto del proprio vissuto. Sono felice di averTi letto. Continuerò a farlo! Sei molto bravo, prende dentro la Tua poesia. Complimenti ancora. Un caro saluto. Eleonora

Eleonora Ruffo Giordani ha detto...

L'immagine dei gelsi sparsi su un letto di foglie è bellissima!
Mi sembra di vivere il momento in cui ti sei fermato ad osservare questi frutti inariditi, spogliati dal loro succoso nettare...
offesi da chi...
E' un quadro bellissimo. La metafora conduce il lettore a riflettere serenamente,e quasi a condividere l'istante in cui l'Autore dell'Opera esprime le sue riflessioni con toni delicati, che sfiorano l'animo e toccano la sensibilità dell'interlocutore, stabilendo un contatto meraviglioso. Che bello!
La chiusa poi è immensa immensa. Grazie di cuore per questo dono bellissimo!
Eleonora

gaetano ha detto...

Grazie Eleonora, come ho già detto, i tuoi commenti sono sempre molto graditi e, mi fanno molto piacere.
L'albero di gelsi bianchi, mi ha accompagnato dalla mia infanzia sino all'età dell'adolescenza.
E, tuttora è parte dei miei ricordi.
Un caro saluto Gaetano.